La fine della notte – Antonio Meola

(10 recensioni dei clienti)

10,99 Iva inclusa

ANTEPRIMA GRATUITA “LA FINE DELLA NOTTE”

Dati anagrafici del libro

Nome dell’autore: Antonio Meola

Titolo dell’opera: La fine della notte

ISBN: 9788894593266

Numero di pagine: 239

Lingua: italiano

Anno di pubblicazione: 2021

Genere del libro: Romanzo sociale di strada

Nome dell’editore: Helios Edizioni

Curatore editoriale: Krizia Maloberti

Prezzo di copertina (Iva incl.): € 10,99

UTILIZZI ?

Allora scrivi la tua recensione per questo libro, cliccando qui.

 

COD: 978889453266 Categorie: , Tag: , , , , , , ,

Descrizione

SINOSSI

Massimiliano Casadei sogna da sempre di poter vivere facendo lo scrittore, ma nella realtà è un senzatetto fino a quando, per caso, incontra la donna che leggendo i suoi racconti, gli darà la possibilità di una rivincita.

Si ritroverà a vagabondare di paese in paese nel mantovano, dove stringerà amicizia con altri tre senzatetto come lui. I quattro riusciranno a sopravvivere solo grazie alla generosità della gente e al volontariato. Le loro giornate trascorrono tra l’elemosina di giorno, e il dormire in strada di notte. Ma scopriranno, loro malgrado, che non tutte le persone sono brave.

Il loro passato è un problema: per alcuni di loro, anche il presente. Le vite dei quattro sono collegate da un unico filo. Il filo, ad un certo punto, si spezza.

La vita non è generosa, e a loro concede una sola possibilità. Alcuni di loro perderanno l’ultima chance di vedere la fine della notte.

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Antonio Meola (Asola, Mantova, 1999) nasce a gennaio, nel freddo inverno del nord Italia, dove nebbia e pioggia sono all’ordine del giorno.

Ottiene un diploma in tecnologie informatiche, ma segretamente coltiva la passione della lettura e della scrittura, nata con le serie tv poliziesche americane e sbocciata con i racconti del terrore di Lovecraft e i thriller di Stephen King. In quel che scrive, è palpabile l’atmosfera dei paesi mantovani, caratterizzata da nebbie persistenti in inverno e caldo umido in estate.

Recensioni de “La fine della notte”

Lilith Hendrix (segnalazione): https://lilithhendrix.altervista.org/la-fine-della-notte/

LILITH HENDRIX (recensione): https://lilithhendrix.altervista.org/recensione-la-fine-della-notte/

MARAEBLOG (segnalazione): https://maraeblog.com/letture-consigliate/

DIANORA TINTI: https://www.dianoratinti.it/la-fine-della-notte-di-antonio-meola/

SOFIA RAFFAGNATO: https://www.brezzapoetica.com/post/la-fine-della-notte.

LA VOCE DEL NISSENO: https://www.lavocedelnisseno.it/antonio-meola-larte-non-ammette-pregiudizi-e-per-tutti/

M Social Magazine: https://emmepress.com/2021/07/26/la-fine-della-notte-di-antonio-meola-recensione/?fbclid=IwAR0nVGCQMNUw4ZZeDpzSZZnqC-1a7Bcx1WxrCT39dgqymaasJsClcvGmkx8

 

Informazioni aggiuntive

Peso 0.320 kg

10 recensioni per La fine della notte – Antonio Meola

  1. LH

    Incuriosita dal titolo e della trama, nonché dalle prime pagine, lo ho detto con decisione e lo ho terminato in due giorni.
    Penso sia un libro ben scritto, articolato ma scorrevole.
    È una storia bella e reale, toccante.
    Ci sono più personaggi in questa storia che, nonostante siano persone con caratteri diversi, con storie diverse; hanno in comune la strada.
    È da qui che nasce tutto, la storia si evolve.
    È una lettura dinamica e la trama regge dall’inizio fino alla fine. È lineare.
    È una storia un po’ drammatica che lascia uno qualcosa su cui riflettere. In particolare, sulle dinamiche della vita e sulle conseguenze delle nostre azioni.
    Sul finale si ha un bel riscatto. Sono rimasta soddisfatta della lettura.
    Lettura consigliata!

  2. G.A.

    Attuale, profondo, scorrevole. L’ho letto in circa due giorni. Ho visto l’altro lato della vita dei senzatetto, quello conviviale, ancora la solidarietà, il confronto, la protezione, ciò che accomuna tutti noi esseri umani. Il libro mostra come non basta lasciare una monetina, ma cercare di empatizzare sempre, comprendere chi abbiamo davanti, in ogni contesto. Tratta i temi del femminicidio, del revenge porn, ormai all’ordine del giorno, e scommetto che ogni donna, per un attimo, riuscirebbe, anche inconsciamente, a mettersi nei panni della giovane donna, co-protagonista del libro. Poi il tema della morte, trattato come se l’autore stesse spiegando al lettore con fare dolce di non aver paura della nostra fine, ed ecco la piena normalizzazione dell’esistenza dell’uomo destinata a fermarsi, riprendendo un po’ il “non conta l’arrivo, ma il percorso”. Poi la fine, il riscatto, la passione, credere in noi: tutti aspetti che ci aiutano nella vita di tutti i giorni per andare avanti. Con questo libro, io ho pensato ai miei. E voi? Consigliatissimo!

  3. Maria Appratti

    Trama avvincente, linguaggio semplice e scorrevole (a tratti un po’ spinto), personaggi molto reali che incarnano le fragilità e la forza che caratterizzano ogni persona. La fine della notte che prelude a un nuovo inizio, ma che resterà sempre nell’animo di chi l’ha vissuta come ferita e, contemporaneamente, speranza nel credere che nella vita c’è sempre una ripartenza.

  4. Maryforever

    Trama avvincente, linguaggio semplice e scorrevole (a tratti un po’ spinto), personaggi molto reali che incarnano le fragilità e la forza che caratterizzano ogni persona. La fine della notte che prelude a un nuovo inizio, ma che resterà sempre nell’animo di chi l’ha vissuta come ferita e, contemporaneamente, speranza nel credere che nella vita c’è sempre una ripartenza.

  5. Miriam Messina

    Un giovanissimo autore da tenere d’occhio, la cui maestria si evince dalla lettura di questo romanzo ben scritto, profondo, mai banale, che tratta diverse tematiche sociali, senza risultare mai pesante o scontato. Consigliatissimo.

  6. Dany

    Ho divorato questo romanzo in tre giorni , le dinamiche tengono il lettore incollato fino all’ultima pagina .
    Nonostante sia un libro che si legge benissimo nel giro di poco tempo, lo scrittore è riuscito a farmi emozionare ed affezionare ai personaggi a tal punto da rimanere completamente spiazzata quando, all’improvviso, spunta un colpo di scena del tutto inaspettato
    .
    Empatia … è ciò che ho provato io, immedesimandomi tra le vite dei quattro personaggi.
    .
    Una delle tematiche trattate nel racconto è proprio il femminicidio, una piaga purtroppo ancora oggi difficile da cicatrizzare.
    Una delle più vergognose violazioni dei diritti umani .
    .
    Per me promosso a pieni voti.
    Vi consiglio di leggerlo perché merita davvero tanto❤️
    Ancora tantissimi complimenti all’autore .

  7. Anonimo

    Incuriosita dal titolo e della trama, nonché dalle prime pagine, lo ho detto con decisione e lo ho terminato in due giorni.
    Penso sia un libro ben scritto, articolato ma scorrevole.
    È una storia bella e reale, toccante.
    Ci sono più personaggi in questa storia che, nonostante siano persone con caratteri diversi, con storie diverse; hanno in comune la strada.
    È da qui che nasce tutto, la storia si evolve.
    È una lettura dinamica e la trama regge dall’inizio fino alla fine. È lineare.
    È una storia un po’ drammatica che lascia uno qualcosa su cui riflettere. In particolare, sulle dinamiche della vita e sulle conseguenze delle nostre azioni.
    Sul finale si ha un bel riscatto. Sono rimasta soddisfatta della lettura.
    Lettura consigliata!

  8. Arianna

    Letto tutto d’un fiato. Romanzo giovane e ricco di attualità. Molto descrittivo, a tratti, intenso. A volte la suspanse era tale da farmi stare col fiato sospeso. A me è piaciuto molto!

  9. Chiara

    Un romanzo veramente ben fatto! Scorrevole, attuale,non banale, che affronta un tema differente, che parla di persone che potrebbero essere ognuno di noi e che parla di tematiche importanti. Inoltre, la capacità di inserire 10 racconti nel romanzo denota la bravura dello scrittore, capace non solo di portare avanti la storia in modo egregio, ma di riuscire a costruire racconti nella storia, senza perderne il filo e senza appesantirla.
    Bravo davvero! Aspetto con ansia il secondo!

  10. Giusi

    Attuale, profondo, scorrevole. L’ho letto in circa due giorni. Ho visto l’altro lato della vita dei senzatetto, quello conviviale, la solidarietà, il confronto, la protezione, ciò che accomuna tutti noi esseri umani. Il libro mostra come non basta lasciare una monetina, ma cercare di empatizzare, comprendere chi abbiamo davanti, in ogni contesto. Tratta i temi del femminicidio, del revenge porn, ormai all’ordine del giorno, e scommetto che ogni donna, per un attimo, riuscirebbe, anche inconsciamente, a mettersi nei panni della giovane donna, co-protagonista del libro. Poi il tema della morte, trattato come se l’autore stesse spiegando al lettore con fare dolce di non aver paura della nostra fine, ed ecco la piena normalizzazione dell’esistenza dell’uomo destinata a fermarsi, riprendendo un po’ il “non conta l’arrivo, ma il percorso”. Poi la fine, il riscatto, la passione, credere in noi: tutti aspetti che ci aiutano nella vita di tutti i giorni per andare avanti. Con questo libro, io ho pensato ai miei. E voi? Consigliatissimo!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *